loading

Corsi

image
€ 634.4

CORSO ONLINE: MASTER BREVE - IL NUOVO CODICE DELLA CRISI D’IMPRESA E DELL’INSOLVENZA ALL’EPOCA DEL COVID - 8 MEZZE GIORNATE DIVISE IN 4 MODULI

1° Modulo 02 Ottobre ore 14,30-17,30 - 03 Ottobre ore 9,30-12,30 - PROCEDURE DI COMPOSIZIONI DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO: -Le modificazioni del piano presentato nell’ambito della procedura ex L. 3/2012 alla luce dell’attuale emergenza sanitaria e del vuoto normativo all’interno del D.L. n. 23 del 08.04.2020 in materia di sovraindebitamento. Lo slittamento dell’entrata in vigore del C.C.I.I. -Gli OCC: natura funzioni e regolamento d’attuazione -Disposizioni generali: ammissibilità della procedura di sovraindebitamento e scelta della procedura – requisiti oggettivi e soggettivi e temi comuni alla tre procedure. La condizione di fallibilità come spartiacque -Ristrutturazione dei debiti del consumatore: presentazione e condizioni della domanda, OCC, omologa del piano, revoca e conversione in procedura liquidatoria -Il concordato minore: proposta e documentazione rilevante, OCC, procedimento, maggioranze, omologa del piano, revoca e conversione in procedura liquidatoria. -Il piano di ristrutturazione dei debiti del consumatore. Il requisito della meritevolezza. Casi pratici -Liquidazione controllata del sovraindebitato. -Le procedure di sovraindebitamento e le procedure esecutive pendenti. -Interruzione della procedura esecutiva immobiliare e opponibilità alla procedura di sovraindebitamento della cessione volontaria e dell’ordinanza di assegnazione -Esdebitazione del sovraindebitato con raffronto al futuro C.C.I.I. I Principali cambiamenti delle tre procedure con l’entrata in vigore del C.C.I.I. -Procedure di sovraindebitamento e responsabilità dei professionisti; --La responsabilità civile dell’organismo e del gestore – Le procedure di sovraindebitamento e il rispetto della normativa sulla privacy. Relatore: Magistrato Dott. G. Limitone *********************************************** 2° MODULO 05 Novembre ore 14,30-17,30 - 06 Novembre ore 9,30-12,30 - INTRODUZIONE: IL CONCETTO DI CRISI E LE FASI DI INTERVENTO: -riconoscere e prevenire la crisi, -la fase di allerta, possibili evoluzioni e soluzioni -principi generali in tema di “crisi” ed insolvenza del debitore -emersione e nuovo procedimento unitario di dichiarazione di insolvenza -gli istituti di superamento della crisi: raffronto tra attuali istituti e possibili evoluzioni CONCORDATO PREVENTIVO E ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI: -Concordato preventivo: le ipotesi previste dall’art. 84 CCI. Continuità -Il ruolo del Commissario giudiziale: atti tipici, poteri, doveri e responsabilità. Gli atti in frode -Effetti della presentazione della domanda e contratti pendenti -La disciplina della prededuzione -I contratti con le pubbliche amministrazioni -I finanziamenti prededucibili e i pagamenti dei crediti pregressi -I compensi dei professionisti -Il voto nel concordato preventivo: maggioranze e conflitti di interesse -La cessione dei beni -Le azioni di responsabilità e la legittimazione del liquidatore giudiziale -Il ruolo dell’assuntore nel concordato preventivo -L’esecuzione, la risoluzione e l’annullamento del concordato -Domanda di concordato, affitto e cessione dell’azienda prima dell’omologazione -Le operazioni straordinarie -I profili contabili e fiscali del concordato preventivo l piano di gruppo: piani integrati, unitari ed interferenti; regole procedurali -Natura giuridica dell’Adr e finalità dell’accordo -Accordi di ristrutturazione agevolati -Accordi di ristrutturazione a efficacia estesa -Le misura protettive; -Trattamento dei coobbligati e dei soci illimitatamente responsabili -La modifica dell’accordo -Inadempimento e risoluzione dell’accordo -Convenzione di moratoria -Transazione fiscale e accordi su crediti contributivi -Negoziazione con il ceto bancario. Relatori: Consigliere di Cassazione Dott. F.Di Marzio e Avv. G. Ivone *********************************************** 3° MODULO 19 Novembre ore 14,30-17,30 - 20 Novembre ore 9,30-12,30 - LA LIQUIDAZIONE GIUDIZIALE: -Peculiarità e differenze rispetto alla legge fallimentare I presupposti della liquidazione giudiziale: -Tribunale competente e organi della procedura Apertura e gestione della liquidazione giudiziale: -effetti per il debitore e per il creditore, -effetti sugli atti pregiudizievoli ai creditori, -coobbligato o fideiussori con diritto di garanzia, -effetti sui rapporti giuridici pendenti, -effetti sui rapporti di lavoro subordinato, -accertamento del passivo, -custodia e amministrazione dei beni, -esercizio dell’impresa a affitto d’azienda, -il programma di liquidazione e la vendita dei beni Azioni di responsabilità: -le principali fattispecie, -i criteri di quantificazione del danno, -le posizioni della giurisprudenza, -prassi operative -Responsabilità civili e penali e riduzione dei rischi per amministratori, sindaci e revisori. Relatori: Consigliere di Cassazione Dott. F.Di Marzio e Avv. G. Ivone *********************************************** 4° MODULO 27 Novembre ore 14,30-17,30 - 28 Novembre ore 9,30-12,30 - GLI STRUMENTI DI REGOLAZIONE DELLA CRISI: Piano attestato di risanamento: -natura giuridica del piano attestato di risanamento, -i benefici connessi all’esimente delle azioni revocatorie, -i possibili accordi con i creditori sottostanti al piano; -presupposto oggettivo e soggettivo; -contenuti e forma; -i principi di redazione dei piani di risanamento; -i principi di attestazione dei piani di risanamento; -esecuzione e monitoraggio del piano e riflessi sulle clausole contrattuali degli accordi sottostanti Introduzione al piano di risanamento: -obiettivi del piano di risanamento: cenni sul processo di elaborazione; -Le linee guide esistenti; -Il processo di elaborazione del Piano, il quadro generale di partenza: -la parte introduttiva del piano; -la descrizione dell’azienda, -le strategie applicate e in atto; -i dati economici e finanziari; -l’organizzazione attuale; -la descrizione dell’attività; -l’analisi del prodotto/servizio e del settore/mercato -la diagnosi della crisi -allerta e indicatori della crisi la situazione patrimoniale di partenza: attività preliminari di verifica delle principali poste contabili -crediti commerciali tra recuperabilità e svalutazione; -rimanenze di magazzino; -crediti e rapporti infragruppo; -analisi della posizione fiscale; -congruità dei fondi rischi strategia di risanamento: impatto ed action plan: - l’identificazione delle linee strategiche di risanamento; -la valorizzazione delle potenzialità inespresse e degli elementi distintivi; -il nuovo posizionamento competitivo; -l’impatto della strategia di risanamento negli ambiti: delle vendite e della commercializzazione, della produzione, dell’organizzazione e del personale, del piano degli investimenti e di dismissione di assets non strategici - action plan: funzioni e struttura la predisposizione della manovra finanziaria: - il riscadenziamento dei debiti finanziari la richiesta di stand still; - la revisione del tassi di interesse; - la conversione dei debiti finanziari in strumenti finanziari partecipativi; - le ipotesi di stralcio dei debiti bancari; - la rinegoziazione del risanamento con il ceto bancario; - analisi di sensitività sulla tenuta della manovra finanziaria; - casi partici di clausole contenute negli accordi finanziari; i dati economico-patrimoniali e finanziari prospettici: - il modello economico, finanziario e patrimoniale previsionale; - contenuto e forma del conto economico; -contenuto e forma dello stato patrimoniale; -contenuto e forma del piano finanziario; -il piano di tesoreria; le analisi di sensitività e gli stress test: -le variabili critiche; -gli scenari; -l’esecuzione delle analisi di sensitività; -la verifica delle analisi i professionisti della crisi di impresa: -Consulenti del debitore -Gestori del risanamento: advisor legali, advisor finanziario, attestatore, incaricati dell’autorità; -vecchi e nuovi presupposti per la nomina a curatori, commissari giudiziali e liquidatori; -nuovo albo ministeriale dei soggetti nominati dall’autorità giudiziaria -attività e ruolo di controllo, -approccio dei creditori nella gestione dei rapporti con imprese a rischio di crisi; -nuove attività e nuove attestazioni del professionista indipendente -doveri e obblighi dei soggetti coinvolti nella crisi di impresa. -obblighi e responsabilità. Relatore: Dott. A. Ferri

Docente

RELATORI: Magistrato Dott. G. Limitone, Consigliere di Cassazione Dott. F. Di Marzio, Avv. G. Ivone, Dott. A. Ferri

Sede

UAPPALA CRUISER HOTEL: VIALE TRIESTE, 281 - PESARO, 61121 - PU

Mappa o sito del corso

Periodo

Dal 02-10-2020 14:30 al 28-11-2020 12:30

Settore Scientifico-Disciplinare

CORSO IN FASE DI ACCREDITAMENTO

Crediti

Avvocati Non ancora accreditato
Commercialisti Non ancora accreditato