0721 22251CONTATTACI
0item(s)

Non hai articoli nel carrello.

Product was successfully added to your shopping cart.

CORSO AVANZATO - SOVRAINDEBITAMENTO L. 3/2012: PRASSI, GIURISPRUDENZA E CASI. LE QUESTIONI DIBATTUTE. GLI ORGANISMI DI COMPOSIZIONE (E I GESTORI) DELLA CRISI: COMPITI E (BUON) FUNZIONAMENTO

Breve descrizione

PESARO - 23 - 24 MARZO 2018
SEDE: MERCURE HOTEL, VIALE TRIESTE 281


Prezzo comprensivo di IVA

Disponibilità: Disponibile

Prezzo di listino: 280,60 €

Special Price 244,00 €

* Campi obbligatori

Prezzo di listino: 280,60 €

Special Price 244,00 €

Dettagli

VEDI PROGRAMMA CORSO

Ulteriori informazioni

Relatori del Corso Dott. A. Ferri, Dott. G. Limitone
Sede del Corso Mercure Hotel (ex Cruiser) - Viale Trieste 281 - Pesaro
Crediti IN FASE DI ACCREDITAMENTO

PROGRAMMA:

VENERDÌ (Dott. Limitone e Dott. Ferri)

ILPIANO DEL CONSUMATORE

Distinzione tra debiti consumeristici e debiti di altra origine: Cass. 1° febbraio 2016 n. 1869.

Il criterio della prevalenza delle obbligazioni consumeristiche; il fideiussore, non professionale, dell’imprenditore in default.

Il piano del consumatore: la prognosi sulla ricostruzione contabile, la meritevolezza.

L’automatic stay discrezionale disposto dal giudice.

Il deposito della proposta da parte dell’OCC, le contestazioni dei creditori, la fissazione dell’udienza di omologa, la mancata approvazione da parte dei creditori, i poteri di sindacato del giudice.

La fattibilità e la convenienza dei creditori.

La meritevolezza in senso lato (l’assunzione di obbligazioni sproporzionate ed il ricorso al credito non adeguato).

L’ACCORDO ED IL PIANO DEL PICCOLO IMPRENDITORE, DELPROFESSIONISTA E DELL’IMPRENDITORE AGRICOLO

L’accordo di composizione della crisi: la proposta, il Piano e l’attestazione dell’OCC.

Gli effetti obbligatori del decreto ex art. 10 l. 3/2012, le forme di pubblicità, l’automatic stay, i limiti del blocco delle azioni esecutive per i crediti impignorabili, e le interferenze con le procedure esecutive in corso

Gli aspetti fiscali del piano e il tema della falcidiabilità dell’IVA. La circolare 19/E del 6 maggio 2015 dell’Agenzia delle Entrate ed il nuovo 182 ter l.f.

Il ruolo dell’OCC: verifiche, accesso agli atti e tecniche di redazione del piano

Le informative al tribunale e i rapporti con il professionista e il sovraindebitato

La lettura delle Banche dati pubbliche e private

Il conflitto genetico di interesse tra proponente, attestatore e referente nell’OCC.

LA LIQUIDAZIONE DELPATRIMONIO

L’avvio del procedimento per liquidazione dei beni: l’istanza di parte e la conversione dalla composizione della crisi

Il decreto di apertura della liquidazione: la nomina del liquidatore, poteri e funzioni dell’organo, l’automatic stay, l’apprensione dei beni registrati, la pubblicità, l’ordine di rilascio dei beni occupati.   

 Azioni spettanti al liquidatore, beni sopravvenuti e crediti sorti durante la procedura e in funzione di essa

Il programma di liquidazione

L’esecuzione del piano, durata minima, effetti della liquidazione dei beni e riviviscenza delle obbligazioni originarie

Esdebitazione, presupposti, procedura ed effetti

SABATO MATTINA (solo il Dr. Ferri)

IL PIANO:

Casi pratici, giurisprudenza e prassi

Piano del consumatore e relativa attestazione

Decreto di omologa

Decreto di non ammissibilità

Le attestazioni speciali

Linee guida, best practice ed orientamenti del CNDC  in materia di Sovraindebitamento

Principi di redazione dei piani di risanamento del CNDC

Principi di attestazione del CNDC

L’ACCORDO:

Casi pratici, giurisprudenza e prassi

Il piano dell’accordo e relativa attestazione

Le attestazioni speciali

Decreto di omologa

Decreto di non ammissibilità

Il piano dell’imprenditore agricolo nella continuità

LA LIQUIDAZIONE:

Casi pratici, giurisprudenza e prassi

L’attestazione dell’OCC nella liquidazione

Il decreto di nomina del liquidatore: adempimenti

Inventario tipo

Lo stato passivo

Il programma di liquidazione

Istanza di esdebitazione