0721 22251CONTATTACI
0item(s)

Non hai articoli nel carrello.

Product was successfully added to your shopping cart.

CORSO AVANZATO - IL RICORSO TRIBUTARIO TECNICHE DI REDAZIONE DELL’ATTO E DI DIFESA IN GIUDIZIO DEL CONTRIBUENTE

Breve descrizione

MILANO MARITTIMA - 23 - 24 APRILE 2018
SEDE: EMBASSY & BOSTON, VIA ANELLO DEL PINO 17


Prezzo comprensivo di IVA

Disponibilità: Disponibile

280,60 €

* Campi obbligatori

280,60 €

Dettagli

PRESENTAZIONE
Il seminario illustra il ruolo del difensore del contribuente, alla luce della normativa e dei più recenti orientamenti della giurisprudenza di legittimità in tema di contenzioso tributario.
Come noto, al giudizio tributario si applicano le norme del Decreto Legislativo n. 546/92 e “per quanto da esse non disposto e con esse compatibili, le norme del Codice di procedura civile”.
Pur essendo modellato sul processo civile, il processo tributario se ne discosta sotto molteplici aspetti.
E’ sufficiente pensare alla diversa disciplina che regolamenta:
- la contumacia;
- la ritualità della notifica nel domicilio eletto dal contribuente;
- le condizioni di ammissibilità del ricorso;
- il conferimento della procura;
- il deposito dei documenti e dei motivi aggiunti;
- i mezzi istruttori.
Peculiarità che, se non rispettate dal difensore, possono dar luogo a profili di nullità o improcedibilità del ricorso, anche se lo stesso è fondato
Verranno quindi evidenziate le tecniche di redazione del ricorso davanti alle Commissioni tributarie: ( mediazione, fase introduttiva del giudizio, attività istruttoria , giudizio di secondo grado davanti alla Commissione Regionale)
Oggetto di trattazione saranno anche le misure cautelari a favore del contribuente .
Il taglio del seminario sarà pratico con analisi delle specifiche questioni prospettate.
Ampio spazio sarà dedicato ai quesiti.

Ulteriori informazioni

Relatori del Corso Presidente di Sezione della Corte di Cassazione Dott. Domenico Chindemi
Sede del Corso Hotel Embassy&Boston**** - Via Anello Del Pino, 17 - XII traversa a mare Milano Marittima (RA)
Crediti 12 per Avvocati e 14 per Commercialisti

PROGRAMMA I Giornata

• Tecnica di redazione del ricorso
•ordine logico di proponibilità delle questioni alla luce del principio della “ragione più liquida”
*eccezioni pregiudiziali e preliminari.
• motivazione del ricorso.
• richieste delle parti e le conclusioni.
• ricorso integrativo.
Applicazione dell’art. 182 del c.p.c.
Ricorso per saltum in cassazione

• Attività e compiti del difensore
• esame della regolarità formale del ricorso e della sua corrispondenza all’originale notificato.
• impugnazione degli atti prodromici non notificati.
• omessa notificazione di atto presupposto.
• verifica della competenza territoriale delle Commissioni tributarie.
• verifica del corretto conferimento della procura.
• verifica della ritualità e tempestività della costituzione.
• formulazione delle eccezioni processuali rilevabili d’ufficio o su istanza di parte.
• esame del contenuto del fascicolo della parte ricorrente e dell’Ufficio.
• formazione del fascicolo di parte con l’indice dei documenti.
• Il deposito e ritiro del fascicolo di parte: ammissibilità?.
• dismissione del mandato e i doveri del precedente e del nuovo difensore.
• rimedi contro il decreto di inammissibilità del ricorso e di estinzione del giudizio.
• reclamo contro il decreto presidenziale.
• proposta di conciliazione giudiziale: modalità e termini.
• rilevabilità dei vizi della sentenza

• La mediazione tributaria

• Il ricorso davanti alla Commissione tributaria provinciale
* eccezioni e questioni preliminari
* conseguenze in caso di omesso deposito del ricorso notificato nella segreteria della Commissione tributaria entro il termine di trenta giorni
*sanatoria delle nullità di cui all'art. 157 c.p.c.
* possibilità di ricorso integrativo: limiti
* copia del ricorso non conforme all’originale
* omessa attestazione di conformità all'originale della copia del ricorso
* relata di notifica apposta, anziché "in calce", sul frontespizio dell'originale della sentenza
* modalità di conferimento dell'incarico ai difensori nel processo tributario Mandato su foglio separato
* procura apposta sull’originale del ricorso e non sulla copia
* omissione della sottoscrizione di copia del ricorso destinata all'ufficio tributario
* mancata sottoscrizione del ricorso
* mancata autenticazione, da parte del difensore, della firma apposta dal contribuente per procura in calce od al margine del ricorso
* procura illeggibile
* mancata sottoscrizione dell’atto da parte della Agenzia che lo ha emesso
* legittimazione a stare in giudizio del concessionario del servizio di riscossione
* mancata indicazione della commissione tributaria competente per l’impugnazione
* ricorso notificato ad ufficio incompetente
* istanza di rimborso a Ufficio incompetente: conseguenze processuali
* patrocinio dell’ Avvocatura dello Stato e procura
* invio del plico postale del ricorso in busta chiusa
* dismissione del mandato e i doveri del precedente e del nuovo difensore.
* mancato deposito delle controdeduzioni per tutte le parti e/o del fascicolo di parte
* tardiva costituzione del resistente
* ricorso incidentale
*richieste orali in udienza
* mancata individuazione del legale rappresentante del ricorrente
* limite temporale alla eccezione di carenza di legittimazione passiva
* dismissione del mandato e doveri del precedente e nuovo difensore
* rimedi contro il decreto di inammissibilità del ricorso e di estinzione del giudizio
* Intervento di enti esponenziali nel processo tributario
* proroga dei termini processuali perentori
*provvedimenti da adottare da in materia di litispendenza, connessione, continenza
* decorrenza del termine di riassunzione del processo interrotto
* applicabilità al processo tributario della sanzione pecuniaria nei confronti di chi abbia presentato un’istanza di ricusazione inammissibile o infondata
* omessa trascrizione in sentenza delle conclusioni delle parti e inadeguata esposizione dello svolgimento del processo
* diritto di accesso agli atti preliminari ai procedimenti tributari
* principio “iura novit curia” e applicabilità al giudizio tributario
* presentazione di querela di falso: effetti sul giudizio tributario
* applicabilità al processo tributario della continuazione ex art. 81 c.p
* ammissibilità o meno della condanna di una delle parti ex art. 96 c.p.c.
* accessori del tributo: interessi anatocistici (art 1283), maggior danno da svalutazione monetaria (art. 1224 c.c.)
* cause pregiudiziali e decisione presupposta non definitiva
* cause pregiudiziali pendenti davanti a diverse CT
* tardiva ammissione al gratuito patrocinio
* richieste delle parti e conclusioni

PROGRAMMA II Giornata

• Provvedimenti cautelari
• I poteri cautelari delle Commissioni tributarie e il relativo procedimento.
• La richiesta di sospensione dell’atto impugnato in primo grado.
• La richiesta di sospensione in appello
• La richiesta di sospensione della sentenza pendente giudizio per Cassazione.

• Il processo di appello davanti alla Commissione tributaria regionale
a)notificazione dell’atto d’impugnazione presso il procuratore costituito per più parti con un unico atto
b)omessa produzione dell’originale o della fotocopia dell'atto impugnato
c)difformità tra l’atto depositato e quello spedito alla controparte
d)autorizzazione ad agire in giudizio
e)termini di impugnazione
f)notifica dell’impugnazione
g)motivi specifici di impugnazione
h)appello incidentale tempestivo e tardivo: differenze
i)obbligo, a pena di inammissibilità, di depositare copia del ricorso presso la C.T.P. che ha emesso la sentenza impugnata.
j)controdeduzioni della parte resistente
k)esame dei singoli motivi del ricorso
l)rinuncia alla domanda
m)eccezioni non riproposte in appello
n)nuove prove in appello
o)giudicato interno, esterno e parziale
p)revisione del giudicato a seguito di contrasto col diritto comunitario
q) in caso di rinvio della causa alla CTP o CTR da parte della Corte di Cassazione, termine per la riassunzione ridotto da un anno a sei mesi, decorrenti dalla pubblicazione della sentenza

• Il ricorso in ottemperanza

• Tecnica di redazione delle eccezioni di incostituzionalità e rinvio pregiudiziale davanti alla Corte di Giustizia.